lunedì 14 marzo 2016

Piccoli grandi cambiamenti


 Da qualche tempo si è impossessata di me una gran voglia di cambiamento, le ragioni che mi spingono sono sicuramente inconsce ma indubbiamente la trovo una cosa decisamente positiva, il rinnovamento fa parte di un percorso di crescita e, secondo me va sempre assecondato quindi, cosa c'è di meglio se non iniziare dalla propria casa? Cambiare arredamento è una soluzione fin troppo drastica e dispendiosa quindi mi sono accontentata di modificare colori e decori.
Come si capisce da ogni mia foto, mia creazione o mio post i colori per me sono vitali e fondamentali, insomma senza di loro non ci so stare, e di conseguenza mi sono creata una casa piena di colori e oggetti allegri, forse per sconfiggere la ben nota malinconia che spesso mi assale.
Quando ci siamo trasferiti nella nostra amata mansardina ho scelto un bel arancio (si, lo so che è uno dei colori più odiati) per la parete della cucina e per il divano di Ikea più scomodo del mondo


PRIMA




Il vero problema in una scelta così strong si presenta quando quel dato colore non lo si sopporta più, visto che credo fortemente nella cromoterapia e nel circondarsi di colori e profumi che ci fanno stare bene, urgeva un drastico cambio e qui si sono aperte mille discussioni, non vivo da sola e pur essendo la principale artefice di ogni malsana e folle idea per la casa non posso di certo non tenere conto delle opinioni della mia dolce metà, quindi, rosa in tutte le sue sfumature scartato, turchese da valutare, verde scartato, dovevo assolutamente trovare un colore che ci mettesse d'accordo.
Un giorno, per caso mi imbatto nel giallo, mai usato, mai tenuto in considerazione e mai apprezzato, fu cosi che divenne amore a prima vista, e fu cosi che anche per Roby non era niente male, non restava che scegliere la tonalità e far sparire quella parete arancione


DURANTE


Svuotare e spostare i mobili, ma soprattutto proteggere tutto dai possibili danni è indubbiamente la parte più noiosa, inoltre mi immaginavo di dover dare 30 mani di vernice bianca per coprire l'arancione e invece con una bella tonalità grigio perla con una sola passata è sparito tutto


Ci abbiamo messo più del previsto perché tra lavoro e impegni vari abbiamo dovuto ritagliarci ore serali ma alla fine ce l'abbiamo fatta, nuova parete, nuova disposizione di accessori e delle mie mille tazze, più qualche quadro nuovo e la parte cucina/sala pranzo è finita, ora ci aspetta la zona TV e il mio angolino Lab, vivendo in un open space ho ancora un pochino la sensazione di incompiuto ma con un po' di calma e pazienza riusciremo a finire tutto!


DOPO









Nessun commento:

Posta un commento